Busta 6 – Membri della famiglia Rota e amministrazione delle proprietà (documenti ottocenteschi)

6.1. Agnese Negri, vedova Rota

  1. Lettera di Agnese Negri al direttore del Regio Demanio del Dipartimento d’Istria riguardante il sostentamento della cognata, suor Maria Rosa Rota – s.d., post 1805
  1. Acquisto di Agnese Negri di una casa posta a Pirano in contrà San Niccolò – 1811-1813

2 documenti

  1. Divisioni delle proprietà agricole tra Agnese Rota e i pupilli del q. Camillo Rota (documento

composto da 4 foglio non rilegati) – 1810

Tratta delle proprietà agricole nel Salvorino.

  1. Stima dei diversi fabbricati di ragione della contessa Agnese Rota nella contrà del Carso di Salvore – 1813
  1. Stima dei terreni di ragione di Agnese Rota a Bassania e a Borosia – 1813
  1. Parte dell’eredità assegnata a Giuseppe Rota, figlio di Agnese e Stefano Rota (2 documenti) – 1813
  1. Foglio di consegne al signor Gabrielli – 29 settembre 1827

Tratta di lavoro nei campi, di animali e foraggi.

  1. Donazione di Agnese Negri ai figli (3 copie) – 1824
  • Descrizioni delle proprietà
  • Disposizione della divisione dei beni tra i fratelli Francesco e Alessandro Rota (3 copie, più una uguale inserita nella busta 4.3. Testamenti (e accordi, divisioni e cause per l’eredità), fascicolo 33. Testamento di Francesco Rota) – 29 settembre 1824
  1. Donazione di Agnese Negri al figlio Alessandro (3 copie) – 22 e 25 aprile 1826

– Prima versione del testamento di Agnese Negri e disposizioni aggiuntive – 3 maggio 1826

  1. Supplica di Agnese Negri per poter ricevere i sacramenti privatamente a casa – 1826
  1. Livelli di Agnese Rota stipulati con Giovanni Maria del Senno, Giovanni Dapreto e successive istanze (vari documenti) – 1827-1835
  1. Proprietà e beni veneziani della contessa Agnese Negri vedova Rota – 23 settembre 1830
  1. Secondo testamento di Agnese Negri e disposizioni inter vivos dell’eredità di Francesco Negri – 26 gennaio 1831
  • Specifica dei beni posseduti da Agnese Negri e inventario giudiziale
  • Convenzione magazzini e fabbriche
  • Terminazione ventilazione (4 copie) – 15 dicembre 1831
  • Disposizione del 1833
  • Tasse giudiziali accreditate a Teresa Michieli Rota – 1835
  • Ventilazione del 31 dicembre 1839 – 2 versioni
  • Protocollo di successione – 22 dicembre 1840

6.2. Pietro Rota, figlio di Stefano e Agnese Negri

  1. Certificati di scuola di Pietro Rota (5 documenti) – 1816; 1819
  1. Certificato di praticante effettivo rilasciato dall’ I.R. Commissariato distrettuale di Pirano (4 documenti) – 1817-1819
  1. Invito al giuramento d’officio – 1817
  1. Certificato di zelo dal parroco

6.3. Francesco Rota, figlio di Stefano e Agnese Negri

  1. Acquisto di un orto di Andrea dell’Acqua venduto da Simone Dapreto q. Giacomo – 11 giugno 1817
  • Istanza di Andrea dell’Acqua per l’iscrizione d’acquisto di un orto a Pirano in contrà S. Ermacora
  • Acquisto del suddetto orto da parte di Adriano Rota – 1826
  1. Estimo realizzato da Giovanni Frangiacomo per l’orto in contrada S. Ermacora – 17 ottobre 1831
  • Contratto d’acquisto di un orto a S. Ermacora appartenuto a Simone Dapreto e acquistato da Francesco Rota – 24 novembre 1831
  • Acquisto di Francesco Rota di un orto a S. Ermacora da Giovanni Apollonio q. Andrea – 3 maggio 1832
  • Certificati di rilevazioni dell’orto a S. Ermacora realizzati da Giovanni Frangiacomo – 4 luglio 1832
  • Lettera di don Luigi Predonzani a Francesco Rota riguardante le confinazioni e progetto dell’orto – 22 luglio 1832
  • Contratto di vendita e di permuta di una porzione di orto a S. Ermacora tra Francesco Rota e don Luigi Predonzan – 16 agosto 1832
  1. Acquisto di Francesco Petronio di un orto sul monte di San Niccolò – 4 luglio 1836
  1. Acquisto di Francesco Rota di un orto posto sul monte di San Niccolò – 10 luglio 1837
  1. Acquisto e permuta tra Francesco Rota e Angiola e Domenico Trani di un fondo campestre – 3 settembre 1837
  1. Francazioni tra Francesco Rota e fratelli Tamaro – 2 giugno 1832

6.4. Alessandro Rota, figlio di Stefano e Agnese Negri, e amministrazione dell’eredità da parte della vedova Teresa Michieli

  1. Inventari giudiziari della facoltà mobile ed immobile di Alessandro Rota a Pirano, Molino (Momiano) e Bassania

– Protocollo d’inventario (4 documenti) – marzo-settembre 1827

– Diritti della signora Teresa, vedova di Alessandro Rota

– Estratto delle misurazione e rendite catastali di Alessandro Rota

– Inventario delle facoltà di Alessandro Rota (3 documenti, copie) – 9 aprile 1831

– Ventilazione della facoltà di Alessandro Rota (3 documenti) – 9 aprile 1831

  1. Istanza Rota alla I. R. Commissione araldica di Venezia – 1825

– Istanza di investitura di Teresa Michiel per il figlio minorenne Stefano Rota (2 documenti) – 1837

  1. Mandato speciale di procura di Teresa Michiel a Giuseppe Fabris (1829) e nomina di Innocente d’Ambrosio a procuratore (3 documenti) – 1830; 1841
  1. Protocollo di divisione dei magazzini e fabbricati tra Regina Gabrielli e Teresa Rota (fascicolo rilegato) – 1 ottobre 1831
  1. Registro degli atti scritti dall’amministratore de Fabris (fascicolo rilegato) – 1810-1838
  1. Documenti vari riguardanti Teresa Michieli e l’amministrazione e tutela dei minori Rota e l’eredità delle proprietà veneziane (in totale 16 documenti) – 1836-1845

– Istanza di Teresa Michieli per incasso di capitali

– Accordi tra gli eredi di Francesco Negri per le proprietà veneziane (5 diversi documenti)

– Protocollo di successione di Agnese Rota

– Lettera di Luigi Colombani a Teresa Michieli – 1845

– Vertenza tra Giuseppe de Fabris e la tutela del minorenne Stefano Rota (2 copie) – 1844

  1. Vendita della casa dominicale fu di proprietà di Paolina Caldana a Teresa Michieli – 18 settembre 1843

6.5. Stefano Rota, figlio di Alessandro e Teresa Michieli

  1. Dichiarazione di Stefano Rota dell’accettazione dell’eredità materna (2 copie) – 10 luglio 1853
  1. Dichiarazione di Giovanni Lugnani per la gorna della casa acquistata, un tempo di proprietà di Antonio del Senno e confinante con quella di Stefano Rota (documento singolo) – 1 febbraio 1879
  1. Contratto preliminare di permuta (1852) e Contratto di permuta tra Stefano Rota e Regina Gabrielli – 1 marzo 1853

– Dichiarazione per la costruzione di una tettoia – 16 maggio 1873

– Lettera del Municipio di Pirano a Stefano Rota per la cessione di un fondo pubblico – 3 marzo 1896

– Lettera del Municipio di Pirano per il corpo di edificio da costruirsi – 13 maggio 1898

  1. Vendita di Stefano Rota a Lorenzo Issler e alla moglie Pasqua Bergamasco di un orto in contrada San Niccolò con una casa di un piano, Pirano – 1870
  1. Vendita di una proprietà a Venezia a Silvio de’ Bomartini – 1880
  1. L’I. R. Giudizio distrettuale dichiara Stefano Rota erede universale – 19 dicembre 1882

Teresa Michieli morì il 27 novembre 1880.

  1. Vendita di Stefano Rota a Francesca Ghersel, istanza di intavolazione e contratto di mutuo (diversi documenti)– 1886-1887
  1. Reclami alla Giunta provinciale per la strada comunale Umago-Salvore – 12 gennaio 1890

La strada è molto rovinata e necessita di manutenzione.

  1. Contratto di affittanza della casa e di un magazzino di proprietà di Stefano Rota a Luigi Papo – 1893
  1. Istanza di Clementina Petronio e Maria Benedetti relativo all’intavolazione delle proprietà del padre Stefano Rota – 8 novembre 1897
  1. Contratto d’affitto tra Stefano Rota e Rosa vedova Schiavuzzi per una casa a Pirano –1906
  1. Preventivo di Carlo Priora di Capodistria per la stampa del libro di Stefano Rota – 25 maggio 1906

Nel documento non viene citato il nome del libro.

  1. Saldo del conto corrente di Stefano Rota nella banca di Pirano – 1 luglio 1908
  1. Intestazione di parcelle a Pirano a vari – 1 luglio 1910
  1. Istanza di Catterina Gardos nata Mrau a Fonda Niccolò e viceversa, convenzione di credito – 1894

Documento che apparentemente non è legato ai Rota.

6.6. Saline

  1. Stima delle saline a Fontanigge – 26 marzo 1818
  1. Contratto per saline di Fontanigge (1829) e saline di Lera (1830)
  1. Storno ipoteca dei cavedini di proprietà della marchesa Lucrezia de Fabris, vedova di Domenico Venier – 27 marzo 1845
  1. Acquisto da parte di Stefano Rota di 17 cavedini a Lera, venduti da Antonio Brescia – 22 dicembre 1886
  1. Istanza di Stefano Rota alla presidenza del Consorzio delle saline per la trascrizione nel nuovo catasto – 1887
  1. Acquisto di Stefano Rota di 14 cavedini nella Valle di Sicciole, vendute da Giuseppe Viezzoli – 15 gennaio 1898
  1. Istanza di Stefano Rota per l’iscrizione dello stabile salinifero (già Viezzoli) e il relativo pagamento – 12 marzo 1898
  1. Vendita delle saline di proprietà di Stefano Rota all’Erario – 13 luglio 1906
  1. Diminuzione dell’imposta ai proprietari di saline – 17 febbraio 1908

6.7. Bassania

  1. Estimo della possessione di Romania e Boscaria e delle proprietà terriere (2 documenti) – 1813
  1. Petizione di Agnese Negri per la divisione della possessione di Bassania a Faustina Petronio – 1817

Tratta della divisione della possessione di Bassania tra i figli di Stefano Rota e quelli di Camillo Rota, sposato con Faustina Petronio, che rimasta vedova si è risposata con Rocco Bruni.

  1. Vertenze per il laco in comune di Bassania e altri problemi per lo stesso laco (in totale 3 documenti) – 1821; 1830
  1. Estimo delle proprietà dei fratelli Rota q. Camillo a Zambrattia e Bassania – 1824;

– Estimo della casa dominicale di Zambrattia di proprietà di Alessandro Rota – 1824;

– Contratto preliminare (1824) e atto di permuta tra i cugini Rota – 1826

  1. Vendita a Alessandro Rota di un terreno in Gavardia di proprietà di Pietro q. Camillo Rota – 1825
  1. Lettera dell’I. R. Commissariato distrettuale di Buie a Teresa Michieli per errore di attribuzione della proprietà a Bassania e relativa tassazione – 1844

6.8. Peschiere nel Salvorino

  1. Vendita delle azioni della pesca nelle acque di Sipar ai Viezzoli, poi rivendute ai fratelli Alessandro e Francesco Rota q. Stefano (3 documenti) – 1821-1822
  1. Affittanze delle private peschiere di Sipar – 1 marzo 1828
  1. Pagamento dell’affitto delle peschiere (1 documento) – 1 marzo 1828

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *